Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha approvato la risoluzione per autorizzare l'operazione dell'Unione europea contro i trafficanti di migranti e rifugiati nelle acque internazionali al largo della Libia.

La risoluzione ha ottenuto 14 voti a favore e un astenuto, il Venezuela. Dopo un lungo negoziato, la Russia ha dato il via libera al testo, sotto l'ombrello del Capitolo 7 della Carta Onu, che non esclude come ultima ratio l'uso della forza militare.

Il Consiglio di Sicurezza autorizza l'Unione Europea e i singoli Stati per un periodo iniziale di un anno ad "ispezionare e sequestrare i barconi che si trovano in acque internazionali al largo delle coste libiche quando vi siano fondati motivi di credere che sono o saranno utilizzati per il traffico di migranti".

"Ulteriori azioni nei confronti delle navi ispezionate, compresa l'eliminazione, saranno prese in conformità con il diritto internazionale e con la dovuta considerazione degli interessi dei terzi che hanno agito in buona fede", si legge ancora nel testo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS