Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per un immigrato la Svizzera è il terzo paese migliore al mondo dove vivere (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Per un immigrato è la Svezia il paese migliore al mondo dove vivere. A seguire - nella top five - Canada, Svizzera, Australia e Germania. Dal canto loro, gli Stati Uniti occupano il settimo posto dietro alla Norvegia, mentre l'Italia è solo al 19esimo.

È quanto emerge dalla classifica stilata da "US News & World Report", sulla base di vari parametri quali la stabilità economica, l'eguaglianza dei redditi e il mercato del lavoro, attraverso un sondaggio su più di 21'000 dirigenti, oltre che normali cittadini, e utilizzando dati della Banca Mondiale e dell'Organizzazione delle nazioni unite (Onu).

"Con la recente attenzione alla questione dell'immigrazione, negli Stati Uniti e all'estero, volevamo indagare sui potenziali benefici e le sfide che essa apporta alla percezione dello status economico di un paese nel resto del mondo", ha spiegato Eric Gertler, co-presidente di US News e del New York Daily News.

In particolare, l'immigrazione in Svezia è stata oggetto di un insolito dibattito pubblico quest'anno dopo che il presidente americano Donald Trump ha affermato che i migranti hanno portato problemi al Paese scandinavo e che, per evitare di cadere nello stesso "errore", gli Stati Uniti non dovrebbero accogliere immigrati. "Ne hanno accolti in gran numero e ora hanno problemi che non credevano possibili", aveva detto Trump, scatenando un'ondata di commenti negativi dagli svedesi.

SDA-ATS