Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È sempre piena emergenza e alta tensione al confine fra Macedonia e Grecia: migliaia di migranti si ammassano in attesa di poter passare le massicce barriere di filo spinato e continuare il viaggio verso nord lungo la rotta balcanica, obiettivo Austria e Germania.

Lo stop opposto ai migranti provenienti dall'Afghanistan e le nuove più severe regole di registrazione per siriani e iracheni rallenta fortemente il flusso, segnato a più riprese da tentativi di oltrepassare con la forza il filo spinato.

Il ministro dell'interno serbo Nebojsa Stefanovic ha detto oggi che Belgrado si comporterà allo stesso modo di Austria e Germania. "La Slovenia ci ha comunicato, e Lubiana ha ricevuto una lettera analoga da Vienna, in cui si dice che accoglierà solo migranti intenzionati a chiedere asilo a Austria o Germania. Noi faremo lo stesso", ha detto Stefanovic.

La Serbia, ha aggiunto, non accoglierà migranti destinati a essere respinti da Austria e Germania. Intanto si rafforzano i segnali su una intensificazione del flusso migratorio attraverso il confine serbo-bulgaro, per aggirare i maggiori controlli alla frontiera macedone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS