Navigation

Migranti hanno salari inferiori del 13% rispetto ad autoctoni

Chi viene da fuori è spesso discriminato a livello salariale. KEYSTONE/AP/SANTI PALACIOS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 dicembre 2020 - 17:00
(Keystone-ATS)

Nei paesi ricchi i salari dei lavoratori migranti sono in media del 13% inferiori a quelli degli autoctoni. Il divario è aumentato e si prevede che si amplierà ulteriormente con la pandemia.

Lo afferma uno studio pubblicato oggi a Ginevra dall'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL).

La situazione varia sensibilmente da un paese all'altro, con differenze che possono arrivare al 40%: è il caso di Cipro. La disuguaglianza salariale è cresciuta negli ultimi anni in nazioni come l'Italia e l'Irlanda. La Svizzera presenta un divario medio dello 0,3% e mediano di quasi il 6%.

L'OIL osserva nel suo rapporto che la prima probabile ragione delle differenze è da ricercare in problemi di discriminazione ed esclusione, peggiorati con la pandemia. Al momento è ancora impossibile stabilire l'impatto del coronavirus sui salari dei migranti. Il calo dei redditi atteso per i mesi a venire avrà però un effetto maggiore sui lavoratori stranieri, stando a quanto indicato da un funzionario dell'OIL. Le conseguenze sanitarie ed economiche dell'epidemia hanno infatti avuto un impatto maggiore sui migranti, che spesso si trovano ad affrontare condizioni più difficili: non sono in grado di lavorare da casa e sono più numerosi tra il personale che deve combattere in prima linea contro il virus.

Più in generale, oltre un quarto dei migranti ha un contratto a tempo determinato e il 15% lavora a tempo parziale. In particolare questa tipologia di lavoratori è molto rappresentata nell'agricoltura e nelle imprese industriali. Dal canto loro, le donne migranti sono discriminate doppiamente, sia come donne che come migranti.

Condividi questo articolo