Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Confederazione e i cantoni dovranno poter requisire rifugi della protezione civile dai comuni per accogliere richiedenti l'asilo. Una nuova ordinanza in questo senso è in fase di elaborazione.

Kurt Münger, responsabile della comunicazione all'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP), ha confermato oggi all'ats una notizia in tal senso della "NZZ am Sonntag". Non esistono progetti concreti di requisizione al momento, ha sottolineato. Si tratta di creare una base per un'eventuale situazione di urgenza.

L'ordinanza si riferisce all'articolo 32 della Legge federale sulla protezione della popolazione e sulla protezione civile (LPPC), spiega Münger. La Confederazione e i cantoni dovrebbero ottenere il diritto di obbligare i proprietari dei rifugi a metterli a disposizione per accogliere i richiedenti l'asilo.

Lo scopo è quello di poter utilizzare più facilmente queste infrastrutture. I proprietari, in genere i comuni, saranno risarciti. Münger non ha fornito altri dettagli, sottolineando che i lavori sono ancora in corso. I cantoni hanno potuto esprimersi a riguardo fino a venerdì scorso. L'UFPP analizzerà le risposte e il Consiglio federale in seguito deciderà.

Da gennaio a novembre, la Svizzera ha registrato 34'653 richieste d'asilo, nettamente di più che le 29'000 attese per tutto l'anno. Solo in novembre le domande sono state 5691. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) pubblicherà a breve le cifre per il 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS