Navigation

Migrazione: Svizzera partecipa all'elaborazione politica UE

Anche la Svizzera sarà al tavolo dei negoziati per stabilire la politica europea in materia di asilo e migrazione. Lo ha assicurato il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer incontrando oggi a Berlino la consigliera federale Karin Keller-Sutter. KEYSTONE/AP/Markus Schreiber sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2020 - 17:29
(Keystone-ATS)

Anche la Svizzera sarà al tavolo dei negoziati per stabilire la politica europea in materia di asilo e migrazione. Lo ha assicurato il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer incontrando oggi a Berlino la consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Di fronte ai media dopo l'incontro con Seehofer, la ministra di giustizia elvetica ha affermato di riporre grandi speranze nella presidenza tedesca di turno dell'UE. Keller-Sutter e Seehofer hanno parlato di "eccellenti relazioni di lavoro" tra Svizzera e Germania.

La Svizzera, quale membro associato dell'area Schengen-Dublino, considera molto importante partecipare alle discussioni sulla riforma della politica migratoria, materia nella quale dispone di una grande competenza, ha aggiunto Keller-Sutter citando il rapido esame preliminare delle domande d'asilo come esempio che potrebbe servire da modello.

La consigliera federale si è trovata d'accordo su tutti i punti esposti da Seehofer. E si è detta fiduciosa sulle capacità della Germania di riuscire a trovare un accordo per un patto migratorio europeo. È "una questione di mestiere politico", ha osservato.

Seehofer ha delineato cinque punti sui quali, a suo parere, si dovrebbe raggiungere un accordo nell'UE: in primo luogo una migliore cooperazione con i paesi di origine dei rifugiati e dei migranti; in secondo un maggior sostegno ai paesi di transito; in terzo luogo il rimpatrio congiunto da parte dell'agenzia europea per le frontiere Frontex; poi l'apertura di canali di migrazione legale, ad esempio attraverso un maggior numero di permessi di lavoro; e non da ultimo una maggiore protezione delle frontiere esterne dell'UE.

Oltre che di politica migratoria i due ministri hanno discusso anche dell'attuale situazione pandemica e delle questioni di sicurezza interna e di cooperazione di polizia.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.