Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Anche la Migros intende abolire i prezzi sui prodotti, sostituendoli con etichette apposte sugli scaffali. Dal primo febbraio avvierà test in 22 filiali in tutta la Svizzera.
Per ora il gigante della distribuzione non vuole indicare di quali punti di vendita si tratti: l'elenco sarà reso noto a inizio febbraio, dopo che il personale sarà informato, ha detto oggi all'ATS il portavoce Urs Peter Naef.
Per tutta la durata dei test - circa mezzo anno - vi sarà una doppia indicazione, sui prodotti e sui ripiani. In tale fase la Migros cercherà di eliminare le fonti di errore, ha indicato Naef.
Il portavoce ha confermato un articolo pubblicato oggi dal quotidiano "Blick", secondo cui i prezzi apposti solo sulle scansie saranno introdotti ovunque dal 2011, ossia anche nei negozi specializzati quali Melectronics, SportXX e Do it + Garden. Rinunciando all'etichettatura dei prodotti il gruppo dovrebbe risparmiare fino a 30 milioni di franchi l'anno.
Le organizzazioni dei consumatori criticano il fatto che la clientela non avrà più una visione d'insieme sull'evoluzione dei prezzi, non potendo confrontare il vecchio imballaggio con quello nuovo. Per ovviare a tale contestazione, la Migros introdurrà un sistema di rilevamento: con lo scanner sarà possibile richiedere un'etichetta autocollante riportante il prezzo. "Così il cliente potrà sapere anche a casa il prezzo degli articoli", ha spiegato Naef.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS