Navigation

Migros: riapertura frontiera si è sentita subito, ma non in Ticino

Molti preferiscono riempire le borse della spesa oltre confine. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 luglio 2020 - 16:00
(Keystone-ATS)

Gli svizzeri sono tornati in massa a fare la spesa oltre confine, ma il Ticino per una volta si smarca, perlomeno sulla base di informazioni relative a Migros.

"Abbiamo sentito la ripresa del turismo degli acquisti sin dal primo giorno di riapertura delle frontiere", afferma il presidente della direzione generale della Federazione delle Cooperative Migros, Fabrice Zumbrunnen, in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung.

Il calo del giro d'affari è stato di un numero percentuale a due cifre, spiega il manager. Attualmente il volume di vendita di Migros è tornato più o meno ai livelli precedenti allo scoppio della crisi del coronavirus.

L'effetto è però stato percepito meno alla frontiera meridionale. "Sembra che i ticinesi non abbiano ancora una gran voglia di andare a fare acquisti in Italia", osserva Zumbrunnen.

Complessivamente Migros si aspetta per quest'anno una crescita dei ricavi, grazie al buon andamento del comparto alimentare e del ramo online. Anche l'utile operativo dovrebbe migliorare. "Presenteremo probabilmente un risultato annuale solido", si dice fiducioso il dirigente.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.