Navigation

Migros abbandona il progetto Amigos, dure critiche di Unia

Finisce l'esperienza di "social shopping". KEYSTONE/MELANIE DUCHENE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2019 - 16:05
(Keystone-ATS)

Hasta la vista, Amigos: Migros ha deciso di abbandonare il progetto Amigos, una piattaforma che il gigante del commercio al dettaglio presentava come una novità di "social shopping".

Mentre Unia riteneva un esempio di sfruttamento basato su un modello dei falsi indipendenti pagati con salari da dumping.

L'idea di fondo era che il cliente acquistasse i prodotti online, per poi farseli portare a casa dai cosiddetti "Bringer" (portatori), in uno spirito di aiuto reciproco. Chi avrebbe funto da fattorino, argomentava Migros, avrebbe compiuto qualcosa di buono, avrebbe conosciuto nuova gente e avrebbe anche guadagnato qualcosa.

Quanto? Per una sporta 7,90 franchi, per ogni sporta supplementare 2 franchi. Salari da dumping, sostiene Unia, che fa presente anche come i fattorini non godano dell'assicurazione infortuni o perdita di guadagno.

Il servizio era stato introdotto come test nell'aprile del 2018 nelle regioni di Berna e Zurigo. Migros ha deciso di porre fine all'esperimento il prossimo 20 dicembre. Gli elementi raccolti hanno mostrato che la piattaforma, partita come aiuto fra vicini, si è sviluppata sempre più verso un normale approccio commerciale: questo modello è in contraddizione con l'idea sociale originale, ha indicato ieri l'azienda.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.