Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Piazza del Duomo di Milano si è trasformata in un angolo di Svizzera oggi pomeriggio, con la presenza di ben 420 corni delle Alpi impegnati in un concerto da record.

L'esibizione è infatti destinata a entrare nel Guinness dei primati: è la prima volta che un numero così elevato di suonatori di corni delle Alpi si esibisce al di fuori dei confini nazionali.

La piazza della Madonnina è diventata un grande palco a cielo aperto per accogliere i musicisti, accompagnati da sbandieratori, tamburini e portatori di alabarde.

Il concerto è cominciato alle 16.00 con il celebre andante dell'ouverture del Guglielmo Tell di Rossini: il "ti-tu-ta" che è anche il famoso clacson a tre suoni degli autopostali svizzeri. Sono poi stati suonati i brani "San Gottardo" e "Marignano".

Tra gli spettatori figuravano anche numerose autorità, fra cui il consigliere federale Ueli Maurer, l'ambasciatore svizzero Giancarlo Kessler e il sindaco di Milano Giuliano Pisapia. In precedenza 200 corni avevano suonato davanti al padiglione svizzero dell'Expo di Milano.

L'esibizione in Piazza del Duomo - che corona la presenza elvetica all'esposizione universale - è stata "un'esperienza molto speciale", anche di natura fisica, ha indicato all'ats una portavoce del comitato organizzativo. Con così tanti strumenti le vibrazioni sono infatti state fortissime: la musica ha quindi letteralmente raggiunto le ossa.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS