Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Milano si schiera contro l'uso degli animali nei circhi. Dichiarati ospiti non graditi nel capoluogo lombardo. Un divieto ancora non di fatto, ma richiesto a sindaco e Giunta da un voto all'unanimità del Consiglio comunale su una mozione presentata dal Movimento 5 Stelle, già attivo sul tema anche in altre città. Basti pensare a molti Comuni emiliani e alla stessa Regione Emilia Romagna.

In realtà, il testo del consigliere "pentastellato" Mattia Calise ha dovuto subire qualche ritocco. Per evitare che l'iniziale 'niet' assoluto potesse venire bocciato in tribunale, come già successo altrove. Ecco allora l'escamotage: anche se si invita comunque il sindaco "a non rilasciare autorizzazioni per spettacoli circensi in cui si usano e si sfruttano, contro natura, gli animali", lo strumento reale di contrasto è la burocrazia, per una volta amica.

Come? "Modificando le condizioni di attendamento circhi all'interno del regolamento per la tutela degli animali". Che dovrà contenere tutta una serie di paletti tali da scoraggiare l'arrivo in città di questa tipologia di spettacoli. Ma la mozione va anche oltre. E chiede a sindaco e amministrazione di "sollecitare il Governo a vietare, con legge statale, l'uso di animali negli spettacoli circensi in Italia" e a "concedere i contributi statali per i circhi solo nel caso essi non usino animali".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS