Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dipende dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama la velocità con cui avanzerà il processo di normalizzazione tra Washington e l'Avana.

Ne è convinto il ministro degli Esteri di Cuba, Bruno Rodriguez, secondo cui Obama ha i poteri necessari per intervenire sull'eliminazione dell'embargo. Lo ha sottolineato dopo il faccia a faccia oggi a New York tra Obama e Raul Castro.

Secondo Rodriguez, le decisioni esecutive adottate dal presidente Usa fino ad ora "hanno un valore molto limitato", mentre i poteri di Obama, ha osservato, "sono molto vasti" e Cuba si aspetta che li usi per modificare l'embargo. Il ministro ha tuttavia sottolineato che "c'è l'opportunità di compiere significativi passi avanti nella normalizzazione delle relazioni tra Usa e Cuba durante l'amministrazione Obama".

Sul messaggio di Raul Castro dopo l'incontro di oggi con Obama, Rodriguez ha quindi ribadito che "il blocco che ha provocato danni e difficoltà al popolo cubano e che influisce sugli interessi dei cittadini americani dovrebbe essere rimosso".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS