Tutte le notizie in breve

Il logo di Swisscom (foto d'archivio).

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Da febbraio Swisscom rifatturerà agli abbonati le spese addebitate all'azienda dalla Posta per il pagamento delle fatture telefoniche allo sportello. Mister Prezzi critica il provvedimento e chiede l'intervento della Commissione federale delle comunicazioni (ComCom).

Nella sua ultima Newsletter pubblicata oggi il Sorvegliante dei prezzi Stefan Meierhans rileva che secondo quanto riportato dalla stampa il 23% delle fatture del "gigante blu" per la telefonia fissa e mobile viene pagato allo sportello. "Di conseguenza - aggiunge - questa nuova prassi di Swisscom penalizzerà non pochi clienti".

Mister Prezzi calcola che gli utenti che decidessero di saldare le loro fatture allo sportello con un bollettino di versamento arancione verrebbero a pagare l'abbonamento al collegamento telefonico di base del servizio universale 26,30 franchi anziché il tetto massimo di 25,35 franchi (IVA inclusa) stabilito dal Consiglio federale nell'Ordinanza sui servizi di telecomunicazione (OST). E l'abbonamento al collegamento telefonico combinato con la connessione Internet verrebbe a costare 60,70 franchi anziché il tetto massimo stabilito dall'OST di 59,40 (IVA inclusa).

Mister prezzi rileva che in quanto concessionaria per il servizio universale Swisscom è tenuta a rispettare questi importi massimi. Secondo Meierhans l'azienda "dovrebbe creare incentivi all'utilizzo di mezzi di pagamento meno onerosi attraverso delle riduzioni, invece che penalizzare i clienti che si presentano allo sportello". "Considerato inoltre che i costi di Swisscom per le prestazioni del servizio universale diminuiscono, i prezzi, piuttosto che aumentare, dovrebbero calare", prosegue.

Giudicando che la nuova prassi viola le disposizioni dell'OST Mister Prezzi ha dunque chiesto alla ComCom di intervenire per farle rispettare.

Swisscom si giustifica

Sul suo sito internet, Swisscom afferma che non è mai stato tanto facile come ora pagare le proprie fatture online. A suo avviso è dunque giusto che i clienti che pagano allo sportello si assumano i costi di questo servizio. L'impresa può realizzare in tal modo risparmi di diversi milioni di franchi, sottolinea.

In una presa di posizione, Swisscom aggiunge di essere dell'opinione che l'addebitamento delle tasse postali non intacchi il limite massimo fissato da Berna. "Il prezzo contrattualmente pattuito per la prestazione fornita" rimane infatti uguale. L'azienda aggiunge che la questione è stata oggetto di un chiarimento giuridico e che l'Ufficio federale delle comunicazioni (Ufcom) non ha avuto nulla da ridire.

Swisscom sostiene di non essere tenuta a fornire gratis ai clienti tutte le possibilità di pagamento. Ci sono sufficienti alternative gratuite, rileva, come il sistema di addebito diretto (LSV) delle banche, l'e-fattura o l'internet-banking.

I concorrenti del "gigante blu" hanno già adottato la stessa misura. Secondo le cifre del portale di comparazione Verivox, Salt fattura il pagamento allo sportello tra 0,95 e 1,90 franchi, Sunrise 2 franchi per un bollettino di versamento arancione e 5 franchi per un bollettino rosso e Cablecom rispettivamente 2 e 7,54 franchi.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve