Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il logo della Mitsubishi (archivio)

Keystone/AP/MATT ROURKE

(sda-ats)

Mitsubishi, la casa automobilistica giapponese coinvolta in aprile nello scandalo sui test delle emissioni a partire dai primi anni '90, ha reso noto di attendersi una perdita netta per l'anno fiscale di 145 miliardi di yen (1,3 miliardi di franchi).

Ciò è dovuto al costo degli indennizzi in relazione allo scandalo e al crollo simultaneo delle vendite.

Il sesto costruttore di auto nipponico - che a maggio ha ceduto un terzo del capitale alla Nissan - ha accantonato circa 9 miliardi di yen (82 milioni di franchi) per i rimborsi ai clienti che hanno acquistato i modelli coinvolti nelle manomissioni e si attende un onere di almeno 50 miliardi di yen (460 milioni di franchi) per i risarcimenti.

Le vendite in Giappone sono scese del 41% da aprile ad oggi, ha spiegato la casa automobilistica, mentre il titolo in Borsa ha perso quasi 3 miliardi di dollari in capitalizzazione di mercato.

L'amministratore delegato Osamu Masuko ha ammesso che il contenimento del rosso dipenderà in che modo le sinergie con Nissan riusciranno ad espandersi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS