Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In un'intervista al quotidiano israeliano Haaretz il presidente palestinese Abu Mazen ha detto di essere impegnato nel tentativo di calmare la situazione, dopo un'impennata di violenze a Gerusalemme est e in Cisgiordania.

"Non abbiamo puntato alla violenza, né ad una escalation. Ma l'aggressività (israeliana, ndr) verso la moschea al-Aqsa e verso i fedeli ha prodotto questa situazione. Noi cerchiamo tutto il tempo di impedire un inasprimento".

"Sono favorevole ad una lotta popolare non violenta. Mi oppongo alla violenza e al ricorso alle armi" ha precisato Abu Mazen, riferendosi ai recenti attentati che hanno provocato la morte di quattro israeliani. "L'ho ripetuto diverse volte. Non vogliamo tornare alla spirale della violenza".

Abu Mazen ha anche criticato le misure repressive annunciate ieri dal governo israeliano, fra cui la demolizione delle case di attentatori e l'invio a Gerusalemme est di rinforzi di polizia. "Tutto ciò - a suo parere - servirà solo a far crescere l'odio". Nel corso dell'intervista Abu Mazen si è detto disposto a riprendere i negoziati con Israele dal punto in cui si sono interrotti un anno e mezzo fa. Ma ha anche avvertito: "questa situazione di status quo senza accordo, e di prosecuzione della costruzione negli insediamenti, non può durare all'infinito".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS