Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - La nave 'Rachel Corrie' è nel mare libico, a 400 miglia da Gaza, e dovrebbe arrivare nella Striscia sabato mattina. Lo ha detto a CNRmedia Hassan Moctar, portavoce della Ireland Palestine Solidarity Campaign, che sta inviando la nave verso Gaza.
In precedenza l'edizione online del giornale israeliano Haaretz aveva detto che la nave è attesa per lunedì.
"Le persone a bordo - ha spiegato il portavoce - hanno rifiutato qualsiasi offerta di accordo con Israele anche perché il contenuto del carico viola l'embargo israeliano, nello specifico trasportano materiale scolastico come quaderni e penne. Quindi si rifiuteranno di consegnare alle autorità israeliane il carico".
"Anche l'ambasciatore israeliano in Irlanda - ha aggiunto Moctar - ha ribadito che la nave sarà bloccata. Ma ricordiamo che il parlamento irlandese ieri ha votato alla unanimità una risoluzione in cui si dice che ci saranno serie conseguenze se la nave dovesse essere fermata. Probabilmente verrà espulso l'ambasciatore israeliano a Dublino".
Moctar ha ribadito che gli attivisti a bordo della nave "non faranno resistenza, alzeranno le mani in alto e sventoleranno bandiere bianche".

SDA-ATS