Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Malafede e mancanza di serietà": così il capo negoziatore Olp Saeb Erekat ha definito il comportamento israeliano in una lettera inviata al segretario di stato Usa John Kerry dove chiede che Israele fermi subito i piani annunciati per la costruzione di nuove colonie.

Erekat - secondo i media - non ha minacciato di boicottare il nuovo round di colloqui israelo-palestinesi (il 14/8 a Gerusalemme) ma ha sottolineato che se non si fermeranno gli insediamenti è difficile capire come i negoziati "possano portare a un accordo".

Nella lettera, Erekat fa riferimento ai piani annunciati questa settimana da Israele, inclusi quello di possibili 63 nuove case nel sobborgo di Jabal Mukkaber a Gerusalemme e di 878 unità abitative in vari insediamenti in Cisgiordania.

Queste ultime però devono avere ancora il via libera definitivo del governo. Erekat - che ha definito le mosse in aperta violazione della Convenzione di Ginevra e degli Accordi di Oslo - ha pressato "a intraprendere le necessarie azioni per assicurare che Israele non avanzi nei suoi piani".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS