Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TEL AVIV - Una giornata di sciopero generale viene osservata oggi dalla popolazione araba in Israele (1,3 milioni di persone) in protesta per il bagno di sangue verificatosi sulla nave turca Marmara, intercettata ieri in alto mare dalla marina militare israeliana.
La polizia israeliana è in stato di allerta e ha predisposto severe misure di sicurezza nelle località prevalentemente arabe. Il ministro per la sicurezza interna Yitzhak Aharonivic (del partito di destra radicale Israel Beitenu) ha precisato che contatti sono in corso con la leadership politica della popolazione araba per evitare scontri.
Ieri nella località di Um el-Fahem (60 chilometri a nord di Tel Aviv) si sono verificati estesi tumulti in seguito al diffondersi di una voce - rivelatasi poi infondata - che sulla nave Marmara aveva trovato la morta il leader del Movimento islamico in Israele, sceicco Raed Sallah. In serata lo sceicco Sallah è sceso, incolume, dalla Marmara, ed è attualmente agli arresti in una prigione israeliana perché sospettato di aver partecipato ad un attacco contro i membri del commando israeliano sbarcato sulla Marmara.

SDA-ATS