Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La marina militare egiziana ha aperto il fuoco la scorsa notte contro un peschereccio palestinese e ha arrestato due uomini che erano a bordo. Lo ha reso noto un portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, secondo cui l'incidente è avvenuto "in acque palestinesi" di fronte al settore Sud della Striscia. Hamas ha biasimato il comportamento dell'Egitto che giunge in un momento di crescente tensione lungo il confine fra la striscia di Gaza e il Sinai egiziano.

Fonti locali aggiungono che la sistematica chiusura da parte dell'esercito egiziano dei tunnel per il contrabbando verso Gaza ha provocato nella Striscia, fra l'altro, una forte penuria di pesce. I pescatori di Gaza che di conseguenza cercano di raggiungere zone di pesca verso Sud di fronte alla costa del Sinai sono nelle ultime settimane respinti, anche a fuoco, dalla marina egiziana. Sul versante Nord le loro attività sono peraltro limitate dalla marina militare israeliana.

Il comportamento delle forze armate egiziane - che da cinque giorni impongono una chiusura totale del valico di Rafah, unica uscita praticabile dalla Striscia - sta destando un crescente malumore a Gaza.

Ieri di fronte alla rappresentanza diplomatica egiziana a Gaza si è svolta una manifestazione di protesta indetta da studenti universitari palestinesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS