Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Finché la Turchia è retta da un partito che ha un forte orientamento islamista, da un capo di stato avversario come Recep Tayyip Erdogan, ci dovremo aspettare problemi e sfide".

Lo ha detto il vice capo di stato maggiore israeliano, il generale Yair Golan, le cui parole - secondo i media - hanno suscitato qualche imbarazzo diplomatico visto il tentativo in atto tra i due Paesi di un riavvicinamento dopo le tensioni seguite al caso della Mavi Marmara del 2010.

Golan - che ha definito la Turchia "un fattore molto problematico" - ha aggiunto che Israele dovrebbe fare ogni sforzo "per ridurre le tensioni con la Turchia, difendendo al tempo stesso i suoi principi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS