Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

GERUSALEMME - Un faccia a faccia fra l'emissario della Casa Bianca, George Mitchell, e il premier di Israele, Benyamin Netanyahu, segna oggi a Gerusalemme l'avvio sul fronte israeliano dei negoziati indiretti (proximity talks) promossi dagli Usa per cercare di rianimare il processo di pace israelo-palestinese dopo mesi di stallo. Un debutto che avviene in un clima di pessimismo diffuso e rispetto al quale manca peraltro il sì ufficiale dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), atteso da Washington non prima di sabato.
"Il primo ministro (Netanyahu) è intenzionato a cominciare subito i colloqui", ha detto a margine dell'incontro una fonte governativa altolocata citata in forma anonima dal sito Ynet. Secondo la fonte, la parte israeliana ha già indicato un team ristretto di negoziatori: che in questa fase risponderà esclusivamente a Netanyahu, sarà guidato da un veterano del processo di pace come l'avvocato Yitzhak Molcho e comprenderà solo il consigliere per la Sicurezza Nazionale, Uzi Arad, e Ron Dermer, un altro consigliere del premier.
Resta tuttavia l'attesa per il via libera formale dalla trincea palestinese ai "proximity talks", la cui durata massima è fissata a quattro mesi. E, al riguardo, la fonte citata da Ynet esprime il timore israeliano che l'Anp possa "ricorrere di nuovo alla tattica del rinvio".
A Gerusalemme è intanto tutto un fiorire di dichiarazioni pessimistiche: da quelle del ministro Uzi Landau, un "falco", che imputa al presidente dell'Anp, Abu Mazen (Mahmud Abbas), un'intenzione deliberata di sabotaggio; a quelle di uno dei vicepremier, Dan Meridor, fra le voci più moderate dell'attuale compagine, secondo cui i colloqui indiretti sono votati a un "fallimento certo", salvo che non riescano ad aprire la strada a "negoziati diretti".
Sull'atteggiamento palestinese pesa in effetti anche il sospetto alimentato appena ieri dall'incendio di una moschea in Cisgiordania (imputato inizialmente ai coloni e poi ricondotto a un probabile corto circuito). Mentre Abu Mazen insiste nel rivendicare il diritto a chiamarsi fuori in presenza di "qualsiasi nuova provocazione" dal fronte degli insediamenti israeliani in Cisgiordania o a Gerusalemme est.
L'amministrazione Obama, da parte sua, confida comunque in una risposta positiva - dopo il rinnovato placet dei giorni scorsi della Lega Araba - entro fine settimana. Gli appuntamenti decisivi dovrebbero essere gli incontri che Mitchell avrà a Ramallah con Abu Mazen (venerdì) e con il premier Salam Fayyad (sabato). A cui seguirà una riunione del comitato esecutivo dell'Olp destinata a concedere secondo le aspettative almeno una possibilità all'iniziativa americana.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS