Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il re di Giordania Abdallah II hanno esortato israeliani e palestinesi a riprendere al più presto le trattative di pace, iniziando appena possibile con i negoziati indiretti cosiddetti di prossimità con la mediazione degli Stati Uniti.
Al termine di un incontro bilaterale prima del Vertice sulla sicurezza nucleare oggi a Washington, la Casa Bianca ha indicato che Obama ed Abdallah "sono d'accordo sulla necessità di avviare i negoziati di prossimità tra israeliani e palestinesi appena possibile, e di trasformarli rapidamente in negoziati diretti. Si sono anche trovati d'accordo sul fatto che ambedue le parti dovranno evitare azioni che possano minare la fiducia durante questi negoziati".
Quanto al nucleare iraniano, Obama ha ribadito durante l'incontro che le pressioni internazionali su Teheran: "Il presidente ha sottolineato l'importanza degli sforzi internazionali per far pressione sull'Iran - ha indicato la Casa Bianca - in modo che rispetti i propri obblighi internazionali, se necessario attraverso l'imposizione di sanzioni".

SDA-ATS