Navigation

MO: Shalit, fonte negoziati, domani lo scambio

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 ottobre 2011 - 10:43
(Keystone-ATS)

Una fonte militare israeliana ha confermato la data di domani per l'avvio dello scambio fra il caporale Ghilad Shalit, prigioniero nella Striscia di Gaza da oltre cinque anni, e un primo contingente di 1.027 palestinesi detenuti in Israele. Lo riferiscono oggi i media locali.

La fonte non ha fornito dettagli, ma ha assicurato che gli ultimi nodi logistici sono stati definiti attraverso i mediatori egiziani e che il super-negoziatore israeliano, l'ex funzionario del Mossad David Meidan, è già rientrato ieri dal Cairo e ha riferito ogni cosa al premier, Benyamin Netanyahu. Nella notte fonti di Hamas avevano a loro volta confermato la scadenza di martedì, ipotizzando le 11 (locali e svizzere) come 'ora x'.

Stando a quanto già trapelato nei giorni scorsi, Shalit sarà consegnato all'Egitto e avrà un primo contatto con gli israeliani presso il valico di Kerem Shalom, a ridosso del Sinai. A quel punto comincerà il parallelo rilascio graduale di un primo scaglione di 477 detenuti (450 uomini e 27 donne) che Israele ha già radunato da ieri in alcune prigioni.

Parlando oggi in pubblico, il presidente Shimon Peres - a cui spetta concedere la grazia ai reclusi da scarcerare - ha detto che tutte le procedure saranno terminate in tempo e ha aggiunto che per il Paese sono giorni "di speranza e di trepidazione".

I genitori di Ghilad Shalit, Noam e Aviv, hanno da parte loro invitato ieri sera la Corte Suprema a respingere senza indugi i ricorsi presentati contro lo scambio da gruppi di destra e associazioni di famiglie di vittime di attentati, nel timore che qualsiasi ritardo possa pregiudicare l'epilogo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?