Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Sono molto fiera di mio marito, tanto da vantarmi dei suoi meriti": sono le parole della giovane moglie di Samy Amimour, uno dei kamikaze che si sono fatti esplodere nel teatro Bataclan.

La ragazza, appena diciottenne, si esprime in alcune lettere inviate dal territorio controllato dall'Isis tra Siria e Iraq, dove si trova con un gruppo jihadista, ad una conoscente in Francia e sequestrate dagli inquirenti, di cui il quotidiano Le Parisien pubblica alcuni estratti.

Nella sua corrispondenza, la giovane prende in giro l'amica "scioccata dagli attentati", che ancora "resta a passeggiare a Parigi".

Poi, rivela di essere stata a conoscenza dei piani di Amimour "fin dall'inizio", quando è partito dalla città irachena di Mosul, in cui si erano stabiliti dopo aver lasciato la Francia, aver trascorso un primo periodo a Raqqa ed essersi sposati con rito religioso. "Ho incoraggiato mio marito a partire per terrorizzare il popolo francese - scrive Kahina - Lo invidio così tanto, avrei talmente voluto essere con lui e farmi esplodere anch'io".

I messaggi della giovane, unitasi alla jihad quando era ancora minorenne ed iscritta a un liceo della banlieue di Parigi, sono pieni di odio e violenza: "La vita non è pace, pace, amore, baci - recita una delle lettere - Tu ci uccidi, io ti uccido, tu ci combatti, io ti combatto. Fino a quando continuerete a offendere l'Islam e i musulmani sarete dei potenziali obiettivi, non solo i poliziotti e gli ebrei, tutti".

L'intervento armato della Francia in Siria è la giustificazione degli atti di terrorismo, spiega: "Una volta quando ero in Siria, ero in un mercato tranquilla e di colpo abbiamo sentito un enorme esplosione. Per il momento, mandano i loro aerei e voi in Francia e altrove vivete bene, e la gente qui muore, è ingiusto. Presto, inshallah, la Francia e tutta la coalizione sapranno cos'è la guerra a casa loro. Voi ci uccidete noi vi uccidiamo, l'equazione è semplice".

Samy Amimour è stato sepolto in gran segreto la notte della vigilia di Natale nel cimitero di La Courneuve, nella banlieue nordest di Parigi, vicino alla cittadina di Drancy di cui era originario. Sono state prese precauzioni per non rendere riconoscibile la sua tomba.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS