Navigation

Monaco: Pompeo, Usa non rifiutano comunità internazionale

Il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo alla conferenza di Sicurezza di Monaco KEYSTONE/EPA/PHILIPP GUELLAND sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2020 - 10:29
(Keystone-ATS)

"Ci sono stati leader democratici che hanno messo in discussione l'Alleanza". Lo ha detto il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco 2020, esprimendosi anche su Russia, Iran e Cina.

"Ieri è stato detto ad esempio che gli Usa rifiutano la comunità internazionale. Queste parole non rispecchiano in alcun modo la realtà, non sono la realtà", ha affermato dalla città tedesca, citando fra gli altri Frank-Walter Steinmeier. "L'occidente vince e noi vinciamo insieme", ha incalzato.

"Gli attacchi alle sovranità portano destabilizzazione e povertà", ha poi affermato Pompeo, citando i pericoli provenienti da Russia, Iran, e Cina. "Ma ho anche buone notizie. Gli Usa guardano questi pericoli in faccia", ha affermato e non li trascurano.

Gli Usa, ha annunciato il segretario di Stato, investiranno fino a un miliardo di dollari, attraverso l'associazione per lo sviluppo finanziario internazionale e col supporto del Congresso americano, per il finanziamento dell'iniziativa dei tre Mari dei paesi del centro e dell'est Europa. Così gli Usa promuoveranno i progetti energetici del Centro Europa per ridurre l'influenza russa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.