Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BAGHDAD - Un gruppo iracheno affiliato ad al-Qaida ha smentito oggi di aver pianificato un attacco contro i Mondiali di calcio in Sudafrica che cominceranno fra due settimane.
Un messaggio pubblicato su internet dall'Emirato islamico dell'Iraq definisce "fantasiose" le confessioni di Abdullah Azam Saleh, il presunto militante saudita di al-Qaida arrestato in Iraq il 3 maggio. Secondo l'uomo, obiettivi del piano dovevano essere le squadre di Olanda e Danimarca, che si incontreranno il 14 giugno nel Soccer City Stadium di Johannesburg. Scopo dell'attentato, vendicare vignette oltraggiose nei confronti del profeta Maometto pubblicate nei due paesi.
Il presunto piano, secondo il messaggio del gruppo, è stato inventato dalla "stupida macchina mediatica del governo della Zona Verde". La Zona Verde è l'area superfortificata nel centro di Baghdad che ospita diversi edifici governativi iracheni, ambasciate occidentali fra cui la legazione americana e una base militare degli Usa.

SDA-ATS