Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - L'ente assistenziale Soccorso Operaio Svizzero (SOS) punta il dito contro la FIFA, la Federazione calcistica internazionale, accusandola di non aver mantenuto le promesse fatte al Sudafrica in occasione dei Mondiali di calcio, che si sono disputati due mesi or sono.
Sono state fatte "false promesse, previsioni troppo ottimistiche e le speranze sono andate deluse", scrive Soccorso Operaio in un comunicato. Sotto accusa in particolare "l'assenza di un impatto sostenibile sul mercato dell'impiego" e "un aumento delle disparità sociali" lasciate ai sudafricani. Al posto dei previsti 4,9 miliardi di rand (700 milioni di franchi) di guadagno, il paese ha subìto una perdita di 200 miliardi di rand, mentre la FIFA ha raddoppiato i suoi utili rispetto ai Mondiali di 4 anni prima, scrive SOS nel comunicato.
Contattata dall'ATS la Federazione calcistica non ha voluto commentare le accuse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS