Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nonostante le ingenti risorse impiegate in tutto il mondo negli ultimi due decenni la guerra alla droga è stata persa, e sostanze sempre più pure e potenti, e quindi pericolose per la salute pubblica, sono disponibili in grande quantità sul mercato. Lo afferma uno studio del BC Centre for Excellence di Vancouver, in Canada, pubblicato dalla versione open del British Medical Journal.

I ricercatori hanno usato i dati di sette agenzie internazionali di sorveglianza sulla droga, combinandoli con quelli sui sequestri delle dogane di diversi paesi. "Dalla ricerca sono emerse tre tendenze - spiegano gli autori - la purezza e la potenza sono aumentate tra il 1990 e il 2010, i prezzi sono caduti a parte poche eccezioni e i sequestri sono aumentati sia nei paesi produttori che in quelli consumatori".

Secondo lo studio negli Usa il prezzo di eroina, cocaina e cannabis è diminuito rispettivamente dell'81, 80 e 86%, mentre purezza e potenza sono aumentate del 60, 11 e 161%. Trend simili sono stati verificati anche per Europa e Australia. "Le sostanze illegali continuano ad essere una minaccia per la salute delle comunità, e questi numeri ci dicono che la disponibilità globale non sembra essere stata ridotta negli scorsi due decenni - concludono gli autori -. Anzi le forniture di oppiacei e cannabis sembrano aumentate, stando alla purezza aumentata e ai prezzi in discesa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS