Navigation

Monito Xi Jinping su Hong Kong, 'restaurare l'ordine'

Il presidente cinese Xi Jinping KEYSTONE/EPA EFE/ANDRE COELHO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2019 - 20:15
(Keystone-ATS)

Il compito più urgente per Hong Kong al momento è quello "di porre fine alla violenza e al caos e di restaurare l'ordine".

Al termine di un'altra giornata ad alta tensione nell'ex colonia britannica segnata da un giallo sul coprifuoco e dalla seconda vittima legata agli scontri, un uomo di 70 anni colpito da un mattone, il presidente cinese Xi Jinping ha lanciato un pesante monito.

Da Brasilia, dove partecipava al vertice dei Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), Xi è intervenuto per la prima volta dalla nuova impennata di violenza partita lunedì in reazione alla morte dello studente 22enne Andrew Chow. I persistenti "atti criminali" commessi a Hong Kong "hanno calpestato gravemente lo stato di diritto e l'ordine sociale", compromettendo prosperità e stabilità, e mettendo "seriamente in discussione la linea di fondo del principio 'un Paese, due sistemi'", ha avvertito Xi, il cui pensiero è stato rilanciato dalla Xinhua. Il leader cinese ha assicurato che Pechino "continuerà a sostenere con fermezza" la governatrice Carrie Lam nella guida della regione, l'azione della polizia e la magistratura "nella punizione dei criminali violenti".

La sostanza è in linea con gli indirizzi sul dossier caldo di Hong Kong adottati dal quarto plenum del Partito comunista di ottobre, ma la forma è ancora più dura, quasi da ultimatum. "La determinazione del governo cinese a salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo è irremovibile", così come lo è "la determinazione a opporsi alle interferenze di qualsiasi forza esterna". In altri termini, ha avvertito Xi, l'ex colonia è una questione interna che va gestita da Pechino.

Prima del monito del presidente, la giornata ha seguito il canovaccio dei giorni scorsi: mobilitazione già dal mattino per bloccare il traffico e il trasporto pubblico, della metro e di superficie; raduno alla pausa pranzo in Central, il distretto finanziario, e sit-in di proteste; barricate, scontri e guerriglia a macchia di leopardo; infine i blitz della polizia alle università, divenute - come ha detto il portavoce Tse Chun-Chung, denunciando il ritrovamento di sei frecce oltre che di diverse molotov - luoghi di "fabbricazione di armi" e "focolai di crimine".

Nel pomeriggio il Global Times, tabloid del Quotidiano del Popolo (la voce del Pcc), ha lanciato un tweet esplosivo sull'imminente dichiarazione del coprifuoco per il weekend da parte del governo di Carrie Lam, salvo poi fare retromarcia. Il direttore del tabloid, Hi Xijin, molto ben informato sugli umori di Pechino, ha spiegato la cancellazione del tweet dicendo "di aver verificato come l'informazione fosse stata ottenuta" e che "la conclusione è che i riscontri erano insufficienti a supportare la notizia".

La sospensione delle lezioni scolastiche a Hong Kong intanto è stata prorogata fino a lunedì, in considerazione delle condizioni ancora precarie sulla sicurezza, ha comunicato l'Ufficio per l'Educazione dell'ex colonia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.