Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Moody's conferma il voto "AAA" della Svizzera. L'agenzia di rating ribadisce così la solidità finanziaria e istituzionale del paese. Tale solidità poggia sul fatto che la Svizzera, importante piazza finanziaria mondiale ma anche sede di diverse grandi società chimiche e farmaceutiche, dispone di un'economia "fortemente sviluppata e diversificata", indica Moody's in un comunicato pubblicato oggi.

Grazie alla politica monetaria della Banca nazionale neppure la forza del franco rappresenta un grave rischio. La rivalutazione della divisa del paese ha posto problemi all'industria d'esportazione, osserva Moody's, aggiungendo che la fissazione di una soglia minima del cambio dell'euro a 1,20 franchi rafforza la credibilità della Svizzera malgrado i rischi a lungo termine.

L'agenzia mantiene la tripla A con la prospettiva "stabile". Perfino le importanti dimensioni del settore bancario rispetto all'economia complessiva e il boom immobiliare non rappresentano un rischio eccessivo, per Moody's. Tanto che il paese potrebbe conservare il rating anche in caso di un nuovo grosso salvataggio statale di una banca.

L'agenzia di valutazione mette in rilevo la disciplina fiscale, caratterizzata dal freno all'indebitamento. Anche la stabilità politica rappresenta un vantaggio significativo, scrivono gli esperti dell'agenzia, aggiungendo che tuttavia la democrazia diretta può rendere più difficili le riforme.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS