Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Johnny Winter, il leggendario bluesman albino, è morto ieri una camera d'albergo a Bülach (ZH), alle porte di Zurigo. La notizia del decesso - riferita in prima battuta da Jenda Derringer, moglie del suo storico collaboratore Rick - è stata confermata all'ats da una portavoce della polizia cantonale zurighese.

Le cause del decesso sono al momento ignote: il Ministero pubblico ha ordinato l'autopsia. Nessun indizio fa pensare ad un intervento di terze persone, si è limitata a precisare la portavoce della polizia.

"Johnny Winter, l'icona del blues texano, è deceduto il 16 luglio in una camera d'albergo di Zurigo. La moglie, la famiglia e i membri della sua band sono sconvolti per la perdita di una persona amata e di uno dei più grandi chitarristi al mondo", su può leggere sulla pagina Facebook del chitarrista.

Nato a Beaumont, in Texas, Johnny Winter aveva 70 anni compiuti il 23 febbraio. Aveva debuttato giovanissimo - a soli 15 anni - con un disco per un'etichetta di Houston. Celebre per il virtuosismo nella chitarra e per i lunghi capelli bianchi, esordì nel 1968 con un album ormai leggendario.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS