Navigation

Morto negli Usa l'ispiratore dei moti di Tiananmen

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2012 - 17:57
(Keystone-ATS)

È morto negli Stati Uniti dove insegnava e viveva, Fang Lizhi, considerato tra gli ispiratori della rivolta studentesca di piazza Tiananmen del 1989 a Pechino repressa.

Fang è morto ieri mattina per cause naturali a 76 anni a Tucson, in Arizona, dove insegnava fisica. Negli anni '80 era emerso come uno dei più forti contestatori del maoismo e del marxismo cinese, tanto da essere espulso dal partito nel 1987.

Alcuni suoi scritti si diffusero rapidamente nel paese e ispirarono molti giovani di allora. Fang era convinto che il partito comunista cinese non avrebbe avuto vita molto lunga. Il 5 giugno del 1989, il giorno dopo della violenta repressione di Tiaianmen, Fang e sua moglie Li Shuxian trovarono rifugio nell'ambasciata americana a Pechino dove rimasero un anno, accusati da Pechino di crimini anti rivoluzionari.

Alla fine di giugno del 1990, Fang fu autorizzato a lasciare la Cina e un aereo militare lo portò prima in Inghilterra e poi negli Stati Uniti, dove si è stabilito successivamente. In questi lunghi anni, ha continuato a criticare il regime comunista chiedendo maggiore democrazia senza mai tornare in patria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?