Il futuro del car sharing è a Mosca. La capitale russa ha la seconda flotta al mondo e la prima in Europa impiegata nel servizio di auto condivise.

Si tratta di 16'500 veicoli alla fine del 2018, un numero che il ministero dei Trasporti di Mosca si aspetta cresca di circa 5'000 veicoli all'anno.

L'espansione della flotta ha avuto come desiderata conseguenza un boom di utilizzatori, con le 'corse' più che quadruplicate a 23 milioni.

Come riferisce Bloomberg, sempre più moscoviti sono attratti dall'auto condivisa, che permette di abbandonare le preoccupazioni legate al possesso del veicolo in quella che è la seconda peggiore città al mondo per la congestione del traffico, nonché tra le più popolate con oltre 12 milioni di abitanti.

Il servizio di car sharing è svolto da diversi operatori privati, a volte a prezzi molto bassi: per esempio Yandex.Drive consente di 'noleggiare' un auto ad appena 7 centesimi di euro l'ora (compresi carburante, manutenzione e parcheggio), contro i 36 di Car2Go di Daimler a New York.

"In Russia il car-sharing è partito più tardi rispetto ad altri Paesi, ma abbiamo approfittato di questo ritardo per utilizzare le tecnologie più avanzate", ha commentato Anton Ryazanov, responsabile di Yandex.Drive, che da dicembre serve anche San Pietroburgo.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.