Navigation

Moutier (BE): sette procedimenti per frode in voto giugno 2017

Sette persone sono state accusate di frode elettorale in relazione al voto a Moutier (BE) sulla sua affiliazione cantonale. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 luglio 2020 - 11:48
(Keystone-ATS)

Sette persone sono state accusate di frode elettorale in relazione al voto a Moutier (BE) sulla sua affiliazione cantonale del 18 giugno 2017. Per altri tre procedimenti ci sono già state condanne penali.

In totale erano state aperte sedici indagini dal Ministero pubblico del canton Berna, ha annunciato oggi la Procura del Giura bernese-Seeland. Non è precisato se i sospetti di frode riguardano il campo autonomista o anti separatista.

Sei di questi dossier sono stati archiviati e tre sono sfociati in una condanna per decreto d'accusa. Nei sette casi restanti, i sospetti sono stati messi in stato d'accusa per frode elettorale. Il Tribunale di prima istanza del Giura bernese-Seeland dovrà quindi occuparsene.

Il Ministero pubblico considera che nei sette casi in questione "gli elementi costitutivi della frode elettorale sono presenti". Chiede quindi alla corte la condanna degli imputati.

La questione riguarda la nota votazione per il passaggio di Moutier dal Canton Berna al Giura: lo scrutinio del 18 giugno 2017 - vinto di misura dagli autonomisti giurassiani - è stato annullato a causa di irregolarità, riguardanti in particolare domicili fittizi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.