Navigation

Mumbai: Alta Corte conferma condanna a morte per Kasab

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2011 - 09:21
(Keystone-ATS)

L'Alta Corte di Mumbai ha confermato oggi la sentenza di condanna a morte emessa da un tribunale di primo grado nel maggio scorso nei confronti di Ajmal Amir Kasab, unico superstite del commando che il 26 novembre 2008 fu protagonista di uno spettacolare attacco terroristico a Mumbai che causò 166 morti e 238 feriti.

Al momento della lettura della sentenza in cui i giudici hanno confermato la sentenza di primo grado e respinto il suo appello, Kasab è stato messo in collegamento diretto via video con la sala del tribunale.

In precedenza, hanno indicato fonti del carcere dove è recluso, il giovane pachistano di 24 anni aveva recitato nella sua cella versi del Corano. A maggio Kasab era stato ritenuto colpevole di cinque diversi reati: cospirazione, dichiarazione di guerra contro la nazione, attività illegali risultanti nella morte, sette omicidi direttamente a lui attribuibili e condivisione di intenti per generare disordine e caos.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo