Navigation

Murdoch: James, frustrazione fatti non emersi prima

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 luglio 2011 - 16:24
(Keystone-ATS)

"Profonda frustrazione" perché i fatti non sono emersi prima è stata espressa da James Murdoch nell'audizione di oggi ai Comuni. Il figlio di Rupert Murdoch ha dichiarato all'udienza che non vi è alcuna prova che Rebekah Brooks, Les Hinton o altri dirigenti di News International fossero al corrente delle intercettazioni.

"Ho 53 mila dipendenti e delego ad altri la gestione degli affari correnti. Non è una scusa ma una giustificazione", ha detto dal canto suo il padre Rupert. "News of the World era l'un per cento di News Corp", ha aggiunto.

Rispondendo a monosillabi, "sì", "no", "sì", "no", Rupert Murdoch ha dichiarato di aver sempre detto la verità ma di "essere stato chiaramente ingannato". Murdoch ha affermato di non sapere che "News of the World" avesse pagato poliziotti in cambio di informazioni nel 2003.

Rupert Murdoch ha detto di essere stato "scioccato, sconvolto e pieno di vergogna" nell'apprendere, due settimane fa, che il cellulare di Milly Dowler, la ragazzina uccisa da un maniaco nel 2002, era stato intercettato. Al tycoon era stato chiesto da quanto tempo sapeva delle intercettazioni "sistematiche" presso il News of the World.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?