Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Per uno che scrive, canta e vive di canzoni, il modo più naturale per rispondere a un colpo tremendo della vita, è proprio la musica. Il 4 luglio Niccolò Fabi ha pubblicato su Facebook l'annuncio della morte della sua bambina di nemmeno due anni, Olivia, "Lulubella", portata via una meningite fulminante. Da quel momento terribile Niccolò e la sua compagna sono stati investiti da una spontanea ondata d'amore e di solidarietà, una mobilitazione per non lasciarli soli.
Niccolò ha deciso in qualche modo di esprimere la sua gratitudine con un concerto organizzato proprio il giorno del secondo compleanno di Olivia, domani a partire dalle 15:00, in un luogo molto amato dalla piccola, il Casale sul Treja, vicino Roma. In realtà non si tratta di un concerto tradizionale, ma piuttosto di un incontro informale senza sound check, senza prove, con tanti, tantissimi artisti ad alternarsi sul palco seguendo più il filo dell'emotività che quello di una scaletta vera e propria.
L'elenco è lunghissimo: ci sono tutti i colleghi-amici e musicisti che hanno condiviso con Niccolò la carriera partendo dalla scena romana, personaggi legati da un rapporto personale ma tanti altri che vengono a cantare per compiere un gesto di vicinanza umana: Lorenzo Jovanotti, Claudio Baglioni, Samuele Bersani, Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Elisa, Simone Cristicchi, Daniele Silvestri, Roy Paci, Enrico Ruggeri, Pacifico, Manuel Agnelli, Samuel e Boosta dei Subsonica, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Roberto Angelini, Awa Ly, Luca Barbarossa, Paolo Belli, Alex Britti, Collettivo Angelo Mai, Marco Conidi, Pier Cortese, Teresa De Sio, Stefano Di Battista, Cristina Donà, Marco e Claudio Fabi, Alberto Fortis, Roberto Gatto, Max Gazzé, Mauro Ermanno Giovanardi, GnuQuartet, Niccolò Agliardi, Franco Mussida, Neri Marcoré, Rita Marcotulli, Pino Marino, Mokadelic, Pilar, Danilo Rea, Marina Rei, Olivia Salvadori e Sandro Mussida, Cecilia Syria, Tosca, Paola Turci, Paolo Vallesi, Velvet.
"Parole per Lulù" è il titolo dato all'evento che avrà anche un fine benefico: ci sarà una raccolta di fondi destinata alla ricostruzione dell'ospedale pediatrico di Chiulo, in Angola, unica struttura della provincia del Kunene ad aver fornito assistenza sanitaria durante la guerra in Angola. Il progetto intende potenziare i servizi sanitari dell'ospedale e, in particolare, migliorare la qualità dell'assistenza e la cura dei bambini. Anche chi non potrà partecipare può contribuire al progetto collegandosi sul sito www.paroledilulu.it. L'ospedale è sostenuto da Medici con l'Africa Cuamm, una ONG con cui Niccolò Fabi collabora da tempo. Saranno tante ore di musica all'insegna dell'imprevedibilità, con pochi schemi preordinati, nessuna ufficialità e tanta emozione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS