Navigation

Musica: figlia Whitney Houston rinnega cognome del padre

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2012 - 18:04
(Keystone-ATS)

La figlia di Whitney Houston rinnega il padre. Bobbi Kristina Brown ha intenzione di sbarazzarsi del cognome del padre Bobby e di chiamarsi semplicemente Kristina Houston. Secondo quanto riportato da fonti stampa, la figlia 19enne di Whitney Houston e Bobby Brown, unica erede della fortuna della madre morta lo scorso 11 febbraio, aveva già intenzione di cambiare cognome subito dopo la separazione dei genitori sei anni fa. Allora fu la madre a impedirle di mettere in atto l'intenzione.

La giovane, ricoverata per stress il giorno dopo il funerale della madre, era apparsa molto contrariata dal comportamento del padre, il quale decise di abbandonare il funerale dell'ex moglie dopo un disaccordo sull'assegnazione del posto in chiesa.

Whitney Houston è stata trovata in un hotel di Beverly Hills a Los Angeles in California dopo aver perso una battaglia contro l'abuso di alcol e droghe. Aveva 48 anni. Nel suo testamento, stipulato nel 2000, quando ancora era sposata con Brown, la cantante lasciava tutto alla figlia. Bobbi Kristina riceverà una parte del denaro al compimento del 21mo anno, un'altra parte a 25 anni ed il resto quando avrà 30 anni. Houston e Brown si erano sposati nel 1992 e la figlia nacque l'anno successivo. La coppia ha divorziato nel 2007 dopo 14 anni di matrimonio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?