Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

IEREVAN - La segretaria di Stato americana Hillary Clinton, ha visitato Armenia e Azerbaigian e ha assicurato che Washington si impegnerà per favorire un accordo sull'enclave contesa del Nagorno-Karabakh.
"Gli Stati Uniti non possono risolvere i conflitti in questa regione, ma possiamo essere un partner, un sostenitore e un avvocato", ha assicurato il capo della diplomazia americana dopo un colloquio a Baku con il presidente azero, Ilham Aliyev. "Siamo pronti ad aiutare in ogni modo che ci è possibile", ha assicurato.
Il Nagorno-Karabakh è una piccola regione montuosa abitata da cristiani armeni che negli anni '90 ha proclamato la sua indipendenza dall'Azerbaigian dopo una guerra costata 30'000 morti. A giugno quattro soldati armeni e uno azero sono morti in un conflitto a fuoco nei pressi dell'enclave.
A Ierevan la Clinton ha invitato la Turchia a mantenere "la promessa" di riaprire la frontiera con l'Armenia, primo passo verso la riconciliazione con l'ex repubblica sovietica dopo le tensioni sul genocidio degli armeni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS