Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

PIACENZA - I carabinieri italiani di Piacenza hanno sgominato una organizzazione internazionale di trafficanti di cocaina che utilizzava come base un convento a Milano. Sequestrati ingenti quantitativi di stupefacenti e una raffineria di droga, arrestate 33 persone.
Sarebbe stato il custode del convento a gestire, approfittando della sua posizione, uno dei canali di traffico e spaccio di cocaina. Lo ha precisato lo stesso Comando provinciale, che ha arrestato il presunto responsabile, un sudamericano con legami nei famigerati cartelli colombiani.
L'uomo era incensurato e regolarmente occupato come custode del convento, una struttura che si trova nel centro di Milano. Dalle indagini è emerso senza ombra di dubbio che operava all'insaputa delle religiose.
Secondo indiscrezioni avrebbe organizzato diversi pellegrinaggi ai quali si univano dei suoi complici che, facendo finta di essere uomini pii, nascondevano cocaina nei breviari e in altri bagagli a mano.
L'uomo è stato arrestato tra lo stupore delle suore. Altri due, nell'ambito della stessa operazione, sono stati individuati nel Monzese, durante alcune perquisizioni: uno è stato arrestato l'altro solo denunciato in stato di libertà.

SDA-ATS