Navigation

Nasa: capo Volo umano a 7 giorni da lancio Crew Dragon

Il responsabile del Volo umano della Nasa Douglas Loverro. Keystone/AP NASA/AUBREY GEMIGNANI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2020 - 19:30
(Keystone-ATS)

Il responsabile del Volo umano della Nasa, Douglas Loverro, lascia il suo incarico. La notizia, che non ha ancora la conferma ufficiale da parte dell'agenzia spaziale americana, corre sui media e sulle reti sociali.

Per tutti l'impressione è quella di una doccia fredda sull'entusiasmo che finora ha accompagnato il più grande appuntamento dello Spazio americano degli ultimi anni: il lancio dal suolo degli Stati Uniti di una capsula con astronauti a bordo. Non accadeva da nove anni, ossia dall'uscita di scena dello Space Shuttle del luglio 2011 e dopo tanto tempo di monopolio russo nella capacità di portare uomini nello Spazio.

Il 27 maggio è infatti previsto il volo di due astronauti sulla capsula Crew Dragon, realizzata per l'agenzia spaziale americana dalla SpaceX di Elon Musk. I veterani della Nasa che voleranno sulla Crew Dragon verso la Stazione Spaziale Internazionale sono Bob Behnken e Doug Hurley, il cui arrivo è atteso oggi nel Kennedy Space Center di Cape Canaveral.

Le dimissioni arrivano inoltre alla vigilia di una riunione cruciale per la missione, ossia la revisione finale in vista del volo della Crew Dragon che Loverro avrebbe dovuto presiedere.

Con una lunga esperienza di lavoro presso il Dipartimento della difesa degli Stati Uniti e alle spalle studi di fisica e scienze politiche, Loverro aveva assunto la carica di amministratore associato del direttorato della Nasa per l'Esplorazione umana nell'ottobre 2019 e nel presentarlo, allora, l'amministratore capo della Nasa Jim Bridenstine aveva elogiato l'esperienza di Loverro in materia di "grandi programmi", osservando che "sarebbe stata di grande beneficio per la Nasa in un momento critico, come le fasi conclusive dello sviluppo dei sistemi spaziali per il programma dei voli commerciali e per il programma Artemis".

Secondo le indiscrezioni riportate dai media proprio Artemis, il programma ambizioso con il quale la Nasa intende riportare l'uomo sulla Luna entro il 2024, sarebbe collegato all'uscita di scena di Loverro. Le dimissioni di quest'ultimo, si legge ancora, sarebbero state comunicate dalla Nasa ai suoi dipendenti senza che venisse specificato un motivo. In una lettera citata dai media, infine, Loverro avrebbe scritto di aver "preso una decisione rischiosa", aggiungendo di avere fatto a riguardo "un errore" del quale dovrà "sopportare le conseguenze".

A sostituirlo potrebbe essere il suo vice, Ken Bowersox.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.