Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattis (a sinistra) era molto atteso a Bruxelles.

KEYSTONE/EPA AP POOL/VIRGINIA MAYO / POOL

(sda-ats)

"La Nato resta la base fondamentale per gli Stati Uniti e tutta la comunità transatlantica, visto quanto siamo legati. Lo ha dichiarato il nuovo Segretario alla Difesa Usa, James Mattis.

Mattis rispondeva al saluto di benvenuto del segretario generale, Jens Stoltenberg, prima dell'inizio della ministeriale della Nato. Il presidente Trump, ha aggiunto, sostiene fortemente la Nato, come ha dichiarato lui stesso.

Ringraziando per il "caldo benvenuto" da parte di Stoltenberg, Mattis - che è stato comandante supremo per la 'trasformazione' - ha definito la Nato come "la mia seconda casa".

Parlando dei prossimi due giorni di riunioni li ha definiti "importanti" perché "siamo qui per tracciare il corso dell'Alleanza nel futuro".

"Gli eventi del 2014 - ha continuato - hanno fatto riflettere e noi dobbiamo continuare ad adattarci a quelle che si sono rivelate le sfide alla nostra sicurezza".

Dopo aver riconfermato l'impegno e l'attaccamento degli Usa all'Alleanza, Mattis ha osservato che la Nato "sta attuando una trasformazione: si è sempre adattata alle sfide della sicurezza, quindi questa non è una novità, forse è un po' aumentato il ritmo del cambiamento, ma è qualcosa che possiamo gestire".

"È assolutamente appropriato quanto detto dai ministri della difesa la settimana scorsa", ovvero che "è una equa richiesta" chiedere che "coloro i quali beneficiano della miglior difesa del mondo supportino una quota proporzionale dei necessari costi per difendere la libertà", ha sottolineato Mattis.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS