Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La Nato sta osservando un allarmante rafforzamento delle forze di terra e di aria russe nelle vicinanze dell'Ucraina". Così il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen, sottolineando che la Russia "anziché de-escalare la situazione, sta continuando l'escalation". Da qui l'invito a "non intraprendere ulteriori azioni provocatorie".

Gli sviluppi delle ultime ore, afferma Rasmussen, "sono ancora più preoccupanti in quanto coincidono con un'escalation maggiore nel coinvolgimento militare russo nell'Ucraina del'est, incluso l'uso di forze russe". Inoltre, sostiene il segretario generale della Nato, "il supporto dell'artiglieria russa - sia al di là della frontiera che dall'interno dell'Ucraina - viene usato contro le forze armate ucraine". La Nato ha anche osservato "trasferimenti di grandi quantità di armi avanzate, inclusi tank, veicoli di trasporto truppe e artiglieria ai gruppi separatisti dell'Est ucraina".

Questo, avverte Rasmussen, "può solo portare all'ulteriore isolamento della Russia", nonostante "gli sforzi della comunità internazionale per trovare una soluzione politica alla crisi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS