Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier Benyamin Netanyahu ha detto che Israele accetterà l'invito giunto ieri sera dall'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord (Nato) ad aprire un proprio ufficio permanente nel quartier generale dell'organizzazione a Bruxelles.

"È un passo importante. È un obiettivo al quale abbiamo lavorato da anni - ha detto Netanyahu nella riunione di governo di oggi -. Penso che sia importante per lo status di Israele nel mondo. I paesi del mondo sono interessati a collaborare con noi alla nostra determinata lotta contro il terrorismo, per le nostre conoscenze tecnologiche, per le nostra coperture di intelligence e per altri motivi ancora".

La mossa, hanno fatto notare i media, costituisce un significativo riconoscimento dei legami tra Israele con i 28 paesi della Nato e finora era stata bloccata dalla Turchia dopo l'incidente della Mavi Marmara. Allo stato attuale Israele è partner nel Dialo Mediterraneo della Nato, insieme ad altri sei paesi: Egitto, Algeria, Tunisia, Giordania, Mauritania e Marocco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS