Navigation

Skiplink navigation

Nato: Johnson minimizza divergenze con Turchia, siamo uniti

Boris Johnson ha minimizzato le divergenza fra la Turchia e altri Paesi della NATO. KEYSTONE/EPA/NEIL HALL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2019 - 10:52
(Keystone-ATS)

Boris Johnson ha minimizzato oggi al suo arrivo a Watford per il vertice dei 70 anni della Nato le divergenza fra la Turchia e altri Paesi alleati innescate dall'operazione militare di Ankara nel Nord della Siria contro le milizie curde.

"Chiaramente è molto importante che l'alleanza resti concorde, ma è molto di più ciò che ci unisce rispetto a ciò che ci divide", ha detto il premier britannico riferendo dell'incontro a quattro sulla questione siriana, da lui promosso ieri a Downing Street con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, quello francese Emmanuel Macron (apertamente polemico nei confronti di Ankara) e con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Johnson ha anche detto di aver parlato "di Siria e di varie altre questioni" in un bilaterale avuto sempre ieri con il presidente americano. Bilaterale il cui esito ha definito "molto buono".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo