Il Consiglio nazionale ha iniziato la sessione autunnale affrontato tre argomenti riguardanti gli accordi di Dublino e Schengen. La Camera del popolo ha approvato un ammorbidimento della detenzione per immigrati "non collaborativi" in caso di espulsione. Inoltre, è stato dato l'ok a modifiche sulla reintroduzione del controllo alle frontiere e all'utilizzo di un meccanismo di valutazione dell'applicazione dell'acquis di Schengen.

Con 132 voti contro 52 il Nazionale ha deciso che un richiedente l'asilo in attesa di rinvio non potrà più essere detenuto fino a un anno e mezzo, come avviene attualmente. Le nuove regole europee prevedono un limite massimo che va dalle sei settimane ai cinque mesi. Se le procedure non verranno svolte in tempo, l'interessato dovrà essere rilasciato.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.