Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'iniziativa "Contro la speculazione sulle derrate alimentari" lanciata da Gioventù socialista (GS) persegue senz'altro nobili obiettivi, come la lotta alla povertà e alla fame nel mondo, ma con mezzi sbagliati secondo il Consiglio Nazionale che l'ha bocciata.

Il Nazionale ha raccomandato oggi a popolo e cantoni (119 voti a 51 e 5 astenuti) di respingere la modifica costituzionale difesa in aula da Socialisti e Verdi. Il dossier è pronto per le votazioni finali.

Il voto negativo era scontato visti anche i rapporti di forza nella commissione preparatoria: quest'ultima aveva sollecitato la bocciatura della modifica costituzionale per 17 voti a 7 e 4 astenuti.

L'iniziativa, depositata nel marzo 2014 col sostegno di PS, Verdi e varie organizzazioni di cooperazione internazionale, è una risposta alle forti oscillazioni dei prezzi di molti beni agricoli che si sono verificate negli ultimi anni, causando problemi alimentari in diversi Paesi in via di sviluppo.

Secondo i promotori del testo, queste fluttuazioni sarebbero causate soprattutto dalle operazioni speculative eseguite sui mercati finanziari connessi ai mercati agricoli fisici (i cosiddetti mercati a termine delle merci).

La speculazione sulle derrate alimentari è cresciuta negli ultimi dieci anni del 33%, ha sottolineato Marina Carobbio-Guscetti (PS/TI), aggiungendo che l'impennata dei prezzi registrata nel 2007-2008 ha causato la morte di 80 milioni di persone

A detta di Carobbio-Guscetti, le speculazioni in questo settore hanno effetti negativi anche sull'agricoltura elvetica: a causa di simili pratiche, nel 2012 i nostri contadini hanno perso 100 milioni di franchi.

Per il Consigliere federale Johann Schneider-Ammann, la speculazione non è sempre negativa, poiché aumenta la liquidità sui mercati, permettendo agli agricoltori di assicurarsi a buon mercato contro le oscillazioni dei prezzi. Di ciò, in ultima analisi, approfittano i consumatori.

A parere del ministro dell'economia, inoltre, diversi studi dimostrano che le impennate dei prezzi registrate a cavallo degli anni 2010 non sono imputabili alle speculazioni di borsa, bensì a fattori climatici - periodi di siccità e gelo - e a decisioni politiche, come divieti di esportazione, tutti provvedimenti che hanno causato il panico e spinto verso l'alto i prezzi delle materie prime.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS