Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio nazionale vuole presentare un'alternativa all'iniziativa popolare "contro le rimunerazioni abusive", ma non vuole imporre i bonus.

Chiamato stamani a scegliere tra due controprogetti indiretti del Consiglio degli Stati, la Camera del popolo ha respinto, con 97 voti contro 92 e 2 astenuti quello che annovera una componente fiscale (imposizione dei bonus). È invece entrato in materia, con 100 voti a 88, sul secondo.

Quest'ultimo controprogetto indiretto ritorna quindi alla sua commissione degli affari giuridici, per essere esaminato. Le Camere dovranno mettere a punto una soluzione entro la sessione estiva, visto che i termini d'esame dell'iniziativa popolare (depositata tre anni fa), già prorogati una prima volta, scadranno il 26 agosto. Altrimenti - come sottolineato da vari deputati - il "parlamento perderebbe la faccia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS