Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bulat Chagaev, ex presidente della squadra di calcio del Neuchatel Xamax.

KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

La giustizia neocastellana si occupa di nuovo oggi della vicenda di Bulat Chagaev, l'ex presidente della squadra di calcio del Neuchâtel Xamax. L'uomo d'affari si è opposto alla condanna a tre anni di carcere, di cui la metà da espiare, inflittagli nel dicembre 2016.

Chagaev era stato riconosciuto colpevole di cattiva gestione, amministrazione infedele, tentata truffa, falsità in documenti e di aver stornato l'imposta alla fonte, in relazione al fallimento del club calcistico nel 2012.

Assente oggi dall'udienza presso la Corte penale del Tribunale cantonale, l'imputato contesta la sentenza e le conseguenze civili, affermando di essere stato condannato a torto in contumacia, perché non si era presentato alla seconda udienza svoltasi davanti al tribunale regionale del Litorale e della Val-de-Travers, mentre era presente alla prima.

All'epoca del processo, il Ministero pubblico aveva chiesto la condanna di Chagaev a tre anni e mezzo di reclusione. La difesa aveva invece sollecitato il proscioglimento del suo assistito. Aveva inoltre invitato la Corte a tener conto dei quattro mesi di detenzione preventiva scontati dall'uomo d'affari nel 2012.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS