Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un uomo di 48 anni è stato condannato oggi a cinque anni di reclusione dalla Corte penale del cantone di Neuchâtel per aver costretto la figlia ad intrattenere rapporti sessuali. Gli abusi si sono protratti per dieci anni.

Il padre ha negato le accuse, affermando di essere vittima di un complotto. La Corte ha invece ritenuto credibili le dichiarazioni della vittima, che ha preso l'iniziativa di denunciare il padre. L'udienza si è svolta a porte chiuse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS